Giorgio De Cesario

Ciao sono Giorgio!

  • Giorgio De Cesario
  • Gallipoli, Italia
  • Parlo: Italiano

Esperienze

Postcarts

Giorgio non ha ancora pubblicato Postcarts

Chi sono

Giorgio De Cesario è un artista poliedrico che sfrutta al massimo le sue conoscenze nei vari campi in cui opera (architettura, arredamento, design, grafica, fotografia, pittura, scultura) per farne elemento fondante della sua arte intesa come espressione pittorica, materica, decorativa, grafica. Ogni sua opera è caratterizzata, infatti, dall'amalgama di elementi decorativi e grafici con elementi sculturei rappresentati per lo più da volti in argilla di colore bianco, all'apparenza inespressivi, emaciati, corrosi dal tempo, che balzano dalla tela sovrapposti su colli lunghi e lineari con l'orecchio ingentilito da un orecchino che richiama la simbologia egiziana in cui quello destro riceve il soffio della vita e il sinistro quello della morte.

Prezzo Opere: Da € 500,00 a € 25000,00
GIORGIO DE CESARIO

Architetto, pittore, scultore, grafico, nasce a Matino (Le) il giorno di Capodanno del 1956.

Dal 1989 docente di progettazione presso l'Istituto Statale d'Arte di Grottaglie (Ta). A Matino frequenta la

locale scuola dell'obbligo, stupendo da subito i suoi insegnanti per le eccezionali doti artistiche

che dimostra nella realizzazione di opere giovanili in gesso, in ceramica, su tela e altri supporti,

ma sopratutto curando le illustrazioni dei giornalini scolastici di cui diviene il più grande animatore.

Comunque le sue esperienze continuano con studi approfonditi in ogni campo dell'arte.

E le sue opere diventano così un compendio di tutto ciò: le sue " modelle " e i suoi "manichini"

non sarebbero mai esistiti senza i suoi trascorsi romani nell'ambito del design e della grafica pubblicitaria;

ed ancora, i suoi sfondi e i suoi ghirigori pieni di cromatismi abbaglianti, ed accattivanti nello stesso tempo,

non avrebbero mai colpito i nostri occhi senza le sue ricerche e le sue sperimentazioni nell'ambito della

decorazione pittorica; e che dire della sinuosità delle sue forme? Le tecniche incisorie apprese ad Urbino,

in due anni di intensa attività e in un clima di studi raffaelliani, hanno sicuramente contribuito a creare

la loro " leggerezza". Contemporaneamente l'artista fa numerose esperienze lavorative in aziende grafiche e

nel 1978 apre a Matino (Lecce) il suo studio dove si occupa di grafica, design, architettura, ma dove, soprattutto,

continua a coltivare il suo amore per l'arte, studiando tecniche e soggetti nuovi per le sue tele e le sue sculture.

E' proprio in questi anni di ricerca che, dopo un sogno particolarmente illuminante, come lui stesso afferma,

riesce ad elaborare il suo stile pittorico personalissimo abbandonando il realismo caravaggesco degli anni precedenti.

Uno stile nuovo quindi fatto di personaggi con volti in argilla che si muovono su uno sfondo cromatico sempre più vivido, quasi a

rappresentare, su qualsiasi supporto, la realtà onirica che l'artista aveva vissuto in quella famosa visione notturna: "

...figure trafugate da grotte ...inquietanti personaggi insorgono, tristi e dignitosi, timidamente implorano aiuto

e solidarietà" (Maddalena Caruso).

Opere pittoriche, incisioni, sculture si susseguono in questo desiderio di sperimentare sempre nuovi mezzi e

di espimere sempre nuove sensazioni attinenti sia il mondo dell'attualità che quello della filosofia e della storia.

Negli anni '80 la sua attività artistica prosegue e proprio in questi anni il suo bagaglio di esperienze

si arricchisce ulteriormente grazie ai continui viaggi nel mondo che lo portano a contatto con culture e

popoli diversi. La vita frugale dell'Europa dell'Est e quella opulenta della Corsica diventano uno stimolo

per esplorare l'interiorità dell'uomo europeo che viene subito messo a confronto con l'assolata vita africana.

Ed ecco quindi i vagabondaggi in Egitto, Tunisia, Marocco, Senegal e le tanto amate isole di Capo Verde, da dove

riporterà nuove impressioni cromatiche che trasferirà poi sulle tele degli anni'90 insieme alle forme plastiche e

alla luce di quei luoghi che tanto lo hanno colpito. Col nuovo millennio l'artista

incrementa la sua popolarità tramite Internet, grazie al quale tutto il mondo arriva a conoscere le sue opere come

attestano i continui apprezzamenti provenienti dai paesi più lontani.Attualmente Giorgio De Cesario

vive ed opera a Gallipoli nella sua casa-museo, Villa Maritati De Cesario, da lui sapientemente

ristrutturata ed ampliata. E' un grande e scenografico contenitore d`arte denominato "La Casa degli Artisti",

una costruzione ultramoderna, caratterizzata da un certo eclettismo di stili un pò orientaleggianti

e un pò mediterranei,comunque energicamente innovativa, che ben si confà con il paesaggio urbano circostante.

Oltre ad ospitare la Galleria Permanente dell' artista,la Casa-Museo, di circa 1.000 metri quadrati,

è destinata ad ospitare mostre temporanee,presentazioni di libri, concerti e performance teatrali

ed è inoltre attrezzata per accogliere, con la formula del b.& b. artisti e amanti dell'arte provenienti

da tutto il mondo.
Studi di architettura, studi artistici accademici, pittura,scultura,grafica,incisione.
Data: 2 Aprile 2020
Titolo: Mostre di Giorgio De Cesario
Nel link sottostante troverete tutti gli eventi dell'artista salentino Giorgio De Cesario.
Data: 2 Aprile 2020
Titolo: La Casa degli Artisti
La Casa degli Artisti, presso Villa Maritati De Cesario, è una nuova realtà della città di Gallipoli.

E' un grande e scenografico contenitore d arte , circa 1.000 mq, che, oltre ad ospitare la galleria

permanente del maestro Giorgio De Cesario , intende promuovere nel territorio diverse manifestazioni artistiche, spaziando dalle mostre di pittura e scultura alla presentazione di libri, dalle serate musicali alle performances teatrali.

Originariamente La Casa degli Artisti era una vecchia villetta anni '50, che ora l'arch. Giorgio De Cesario ha sapientemente ristrutturato, rendendola esempio di uno stile architettonico eclettico,decisamente innovativo in quello che è il paesaggio urbano circostante.

Entrando in questa residenza si viene subito a contatto con l'ampia zona espositiva, un'area di circa 300 mq, sovrastata da un imponente muro-scultura, visibile anche dall' esterno, dedicato al prof. Giorgio Maritati, latinista e noto docente di materie letterarie negli anni '60 e '70 e primo proprietario di questa residenza.

Sul muro-scultura infatti è riportata la prima strofa di un carme saffico dedicato a Gallipoli che Giorgio Maritati, padre dell'attuale proprietaria e suocero dell'artista Giorgio De Cesario, compose nel lontano anno scolastico 1962/63 e che fu poi pubblicato nell annuario della Scuola Media Statale di Gallipoli (l'antica Scuola Media G.B.Crispo ora scomparsa). tutt' intorno le opere e gli affreschi di Giorgio De Cesario, che attirano lo sguardo attonito dei visitatori con i loro stupefacenti effetti cromatici e con quei personaggi diafani, misteriosi, eppure tanto simili a noi nelle loro espressioni sul volto d'argilla.

E già da questo primo grande ambiente si rimane stupiti dal magico mix tradizione-innovazione che è il leit-motiv di tutta la struttura. un'ampia scalinata porta al piano superiore, dove continua la zona espositiva, e dà accesso ad un'altra ala dell'edificio che ospita un esclusivo bed & breakfast per artisti ed amanti dell'arte.

Qui ogni stanza è dedicata ad un artista diverso: Mondrian con le sue geometrie cromatiche,Van Gogh con la sua stanzetta, Bach e le sue note baroccheggianti, Leonardo con i suoi misteri, D' Annunzio con tanti ghirigori liberty e poi ancora, al secondo piano, Canova con le sue forme neoclassiche. e ovunque portali un pò orientaleggianti, un pò mediterranei con ceramiche coloratissime stile andalusia e poi grandi vetrate ultramoderne, muri geometricamente zigzaganti e piramidi, e per finire un attrezzato laboratorio dove artisti e dilettanti potranno cimentarsi nella creazione di opere d arte e ancora un vasto terrazzo panoramico con piscina idromassaggio che invita a rilassarsi e a sognare,soprattutto all'ora del tramonto.

Ogni angolo nasconde delle sorprese, degli scorci insospettati e non si finisce mai di scoprire nuovi dettagli e nuovi punti di vista.

Non a caso molti l'hanno definita la casa delle fiabe o la casa delle fate.

Noi che ci abitiamo abbiamo realizzato il nostro sogno di una vita, quello di vivere quotidianamente dentro un'opera d'arte, sensazione che riusciamo a trasmettere con successo ai nostri ospiti e agli amici che ci vengono a trovare.

Il mio mondo, i miei luoghi

Home Gallery I dati sulla posizione esatta dell'atelier dell’artista sono forniti dopo la conferma della prenotazione dell'Esperienza.